Back to the news

This content is not available in your language

La candela del re

La candela del re

Passeggiando per il parco della Francesca, troviamo piante spontanee che hanno alle spalle una storia millenaria; come ad esempio il tasso barbasso (o verbasco: “verbascum thapsum”). E’ una bella pianta elegante, con larghe foglie vellutate alla base, e dal portamento a corolla punteggiato di fiori gialli. 

Viene chiamata anche candela del re, perchè anticamente il suo alto fusto secco veniva usato come torcia; con le foglie seccate (ma non troppo) e arrotolate, si facevano sigari privi di nicotina!

Foglie, fiori, radici, sono stati usati per secoli: in infusi, cataplasmi, impiastri, come espettoranti, analgesici, anti infiammatori e anti depressivi.

Oggi sappiamo che alcune sostanze contenute nella pianta - come: la cumarina e l'esperidina, il magnesio, lo zolfo, la vitamina B2 ecc… - hanno provate capacità terapeutiche. 

Back to the news